Az. Agr. Santa Marina – Oriolo, Cosenza

Dalle olive nasce un amaro: il tepore della storia in una spremuta di Ulivar C’è profumo di frantoio in un bicchiere di amaro: l’oliva si tuffa tra zucchero ed ebrezza. Da una antica ricetta della nonna che nei momenti di festa miscelava olive, zucchero ed alcol, nasce l’amaro Ulivar, dell’azienda agricola Santa Marina. Oggi le […]

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0
118.jpg

Dalle olive nasce un amaro: il tepore della storia in una spremuta di Ulivar C’è profumo di frantoio in un bicchiere di amaro: l’oliva si tuffa tra zucchero ed ebrezza. Da una antica ricetta della nonna che nei momenti di festa miscelava olive, zucchero ed alcol, nasce l’amaro Ulivar, dell’azienda agricola Santa Marina. Oggi le olive diventano un gustoso digestivo dall’odore intenso del frantoio e dal sapore autentico e vero dell’amaro. Luigi Adinolfi parte da qui, da Oriolo Calabro, terra di confine con la Lucania, in questo perimetro brullo dell’Alto Ionio, per girare l’Italia, apprendere il significato e l’opportunità dell’innovazione da iniettare in una antica storia, quella della propria azienda a lui affidata da tre generazioni. Così le case padronali diventano alloggi per l’agriturismo, i piatti antichi nuove ricette ricercate e rivisitate e un vecchio infuso la punta di diamante della sua impresa. E’ l’amaro Ulivar che, da oggetto di rito nelle povere feste degli inizi del ‘900, si trasforma in prezioso digestivo che cattura curiosi e appassionati e attrae turisti nella propria tenuta. Quell’antica ricetta artigianale subisce una elaborazione che rende l’amaro ancora più delicato e più idoneo ad una produzione che intende proiettarsi in una dimensione nazionale. A connettere invece quell’angolo di Sud con il resto d’Europa ci pensa Luigi Adinolfi, attraverso il suo portale internet grazie al quale, è riuscito a catturare l’attenzione di turisti provenienti dalla Scandinavia, dalla Corea, dagli Usa e da numerosi altri paesi, pronti a raggiungerlo per mettere le mani in pasta nelle numerose attività di laboratorio e di trasformazione del suo agriturismo, a partire da quelle collegate alla trasformazione delle olive in amaro. Chi ripensa all’agricoltura mette l’oliva nel bicchiere, stranezze come nuove strade per una impresa di successo. Sito web: www.amaro-ulivar.it

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0