Az. Agr. Gioan Di Pice – Zogno (BG)

Internet in stalla e il chilometro fa zero: di questi maiali conosci tutto… anche i miracoli. Ai suoi maiali attribuisce sempre un nome, preferisce averne pochi e chiudere la propria rete di vendita a due passi da casa. Prendo in mano l’attività a patto che si faccia di testa mia. Così, a 22 anni, Silvano […]

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0
DSC_7481.jpg

Internet in stalla e il chilometro fa zero: di questi maiali conosci tutto... anche i miracoli.
Ai suoi maiali attribuisce sempre un nome, preferisce averne pochi e chiudere la propria rete di vendita a due passi da casa. Prendo in mano l'attività a patto che si faccia di testa mia. Così, a 22 anni, Silvano decide di dedicarsi all'allevamento di suini trasformando le sue carni in nome della qualità e dell'innovazione. E già perché dei suoi maiali non vuole che si apprezzino soltanto le carni, completamente prive da qualsiasi contaminazione, visto che i pochi mangimi utilizzati sono assolutamente Ogm Free, ma vuole che si sappia anche quando e dove sono stai macellati, e chi se n'è preso cura. Per raggiungerlo bisogna arrampicarsi sui viottoli della val Brembana, nel Bergamasco. Per comprare le sue carni fai visita alla sua casa, perché i suoi maiali sono appena fuori l'uscio della sua porta. Mentre per sapere cosa mangi basta un semplice click col mouse, oppure una foto con lo smartphone e, attraverso il qr-code, sei immediatamente catapultato nella sua stalla, all'origine della qualità. Silvano ha deciso di vivere come un tempo, di occasioni per sviluppare ulteriormente la sua azienda ne ha avute, ma «non comprometto la qualità», tiene a ribadire «preferisco ricevere i miei clienti nella mia azienda, allestendo qui il laboratorio e il mio punto vendita», senza rinunciare alla gioia di fare toccare prima con mano quello che soggiornerà sotto il palato. Così stringe accordi con un ristorante della zona che nel menù mette il logo e il codice della sua azienda. In montagna la rete è in stalla. Una gioia finirci dentro.

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0