Expo 2015 e Oscar Green: Matteo Castioni con le Spiruline

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0
Castioni_expo_oscargreen

Ha vinto l’edizione 2014 degli Oscar Green, nella categoria Ideando: Matteo Castioni, giovane agronomo, classe ’82, è l’ennesimo protagonista di Expo 2015 insieme alla sua azienda, Alghitaly.
L’attività di Matteo, è nata dall’intuizione (sicuramente stravagante) di coltivare nella sua zona (il Veneto) microalghe della specie Spiruline e Haematococcus, che pare abbiano tantissime qualità. Una scommessa, un salto-nel-buio che col passare del tempo, si è trasformata in una scelta assolutamente vincente.

Oggi infatti, le microalghe di Matteo Castioni, non solo vengono ampiamente utilizzate nel mondo della cosmesi e consigliate come integratori e ricostituenti nelle diete ipocaloriche (perché particolarmente ricche di proteine sali minerali e antiossidanti naturali), ma sono molto utili anche in agricoltura perché risultano essere degli ottimi fertilizzanti naturali (basta pensare che con soli 5 grammi di microalghe si fertilizza un ettaro di terreno).
Questa idea vincente è stato il biglietto d’ingresso che ha portato il nostro giovane agricoltore, direttamente ad Expo 2015: con le sue alghe, Matteo è presente nel padiglione Future Food District, area tematica interamente dedicata al cibo del futuro.

Recentemente, in un’ intervista al Corriere del Veneto, lo stesso Castioni ha dichiarato che:
“Ad Expo ho trovato molta curiosità da parte di visitatori e giornalisti, perché potremmo davvero cibarci di questi organismi riproducibili in natura ed estremamente nutrienti: una microalga contiene una quantità di proteine tale da soddisfare il fabbisogno di venti persone”.
Matteo è dunque l’ennesimo esempio di come quella che si sta sviluppando tra le nuove generazioni, sia un’agricoltura sempre più 2.0, attenta soprattutto al concetto di innovazione.

Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0